Dot
Studio

Francesco, Posteraro, Portraist, Francesco, Posteraro, (Ri)-Tratto, Francesco, Posteraro, Torino

"I miei ritratti dicono molto più di me che delle persone che fotografo"

(Ri)-Tratto è una ricerca in corso iniziata da qualche anno: ritrarre molte persone ritrattando, allo stesso tempo, sull’idea di me stesso alla ricerca di una identità. L’evoluzione del genere del ritratto in fotografia insegna che esiste una reciprocità tra il soggetto ripreso e il fotografo, e che è possibile rintracciare caratteristiche dell’autore stesso nell’immagine finale, come se una parte di quest’ultimo fosse riportata fedelmente, in qualità di testimonianza visiva dell’incontro con l’altro. In questa produzione, l’esperienza ritrattistica vissuta dai due attori assume un nuovo significato, perché prevede un azzeramento totale della distanza e un’intrusione dell’autore nello sguardo dell’altro. Ogni singola immagine è prodotta da me sostituendo idealmente gli occhi di tutti i soggetti con i miei, in un’operazione di privazione, che non si traduce con la prevaricazione del mio punto di vista sugli altri, ma riguarda un discorso più ampio e complesso sulla ricerca della mia identità. Le persone riprese diventano così replicanti, moltiplicazioni di me , che guardo verso me stesso. Un atto coraggioso di fusione nell’altro, uno difronte all’altro, vicinissimi ad un passo da un abbraccio; una messa in discussione continua alimentata da dubbi e paure, un gesto ossessivo, compulsivo e ripetitivo attuato mediante la moltitudine umana e diretta verso un unico autoritratto immaginifico con l’intento di rivolgere un monito ad abbandonare il proprio punto di vista, a guardare l’altro e a guardare se stessi, riappropriandosi di quell’atteggiamento autentico, indispensabile per capire a fondo chi siamo... Per me, questo, il senso del ritratto: raccontare una storia inedita, mai vista. Ricercando un momento preciso, dove la persona che viene fotografata è nuda e si mostra completamente per raccontarti un pezzo inedito di sé ricercandomi, quasi disperatamente, in lei. Bisogna essere lì a catturarlo e farlo diventare tuo.

Gallery (Ri)-Tratto

(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto
(RI)-tratto

Exhibitions Culture Events



  • E.C.E.

    Peter Lindbergh - Untold Stories

    La mostra celebra l´eredità di Peter Lindbergh, scomparso nel settembre 2019, e mostra l´approccio molto personale di questo maestro nel suo lavoro. Presentata per la prima volta, l´installazione Testament aggiunge una dimensione inaspettata alla mostra e apre una discussione su argomenti che erano di centrale importanza per Peter Lindbergh: introspezione, empatia e libertà. ARTiglieria - Torino fino al 13/08/2021

    E.C.E.

    Capa in Color

    Capa in color, la mostra curata dall´International Center of Photography (ICP) di New York che presenta per la prima volta al grande pubblico le fotografie a colori di Robert Capa. Musei Reali - Torino fino al 31/05/2021

    E.C.E.

    Horst P. Horst Style and Glamour

    Il percorso espositivo curato da Giangavino Pazzola si sviluppa in maniera cronologica e, con una selezione di oltre 150 opere di vario formato, prende in considerazione i principali periodi creativi di Horst, ripercorrendone la storia negli snodi fondamentali della sua evoluzione, dagli esordi alle ultime realizzazioni. Camera - Torino fino al 04/07/2021

  • E.C.E.

    Gian Paolo Barbieri - The families of Man

    HEIMAT. A SENSE OF BELONGING Oltre Gian Paolo Barbieri, circa 50 fotografi compongono, attraverso un centinaio di opere, un grande affresco sulla contemporaneità storica, sociale, economica e ambientale degli ultimi trent´anni, a partire dalla caduta del muro di Berlino fino ai giorni d´oggi. MAR Museo Archeologico Regionale - Aosta fino al 10/10/2021

    E.C.E.

    

    Lisette Model Street Life

    La mostra dedicata a Lisette Model, a cura di Monica Poggi, è la prima antologica realizzata in Italia. Con una selezione di oltre 130 fotografie, l’esposizione ripercorre la carriera dell’artista sottolineandone l’importanza avuta negli sviluppi della fotografia degli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Il suo nome è spesso associato al periodo di insegnamento, durante il quale ha avuto come allievi diversi autori che sarebbero poi diventati a loro volta fotografi fra i più celebri del Novecento, come Diane Arbus e Larry Fink Camera - Torino fino al 04/07/2021

    E.C.E.

    Prima, donna. Margaret Bourke-White

    Palazzo Reale ospita la mostra "Prima, donna. Margaret Bourke-White", dedicata a una tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo, con una selezione inedita delle immagini più iconiche realizzate nel corso della sua lunga carriera. Palazzo Reale - Milano fino al 29/08/2021

Drop me a line

Dot Studio

Lungo Po Antonelli, 127 - 10153 Torino

Mobile

+39 328 1025922